La ballata di Za la Mort

Sabato 26 Giugno 2010 10:54
Stampa
Spiacenti, locandina non disponibile
sab 28 gennaio e ven 4 febbraio 2011 alle ore 21.00
LA BALLATA DI ZA LA MORT
di Massimo Mirani
con Massimo Mirani, Ferdinando Vaselli, Giuseppe Artale, Marilena Nicosia
costumi e allestimento Fabiola Cenci
regia Fabio Galadini
LA BALLATA DI ZA LA MORT
DRAMMATICO
Za la mort è il nome di battaglia di Quinto Zampa, vecchio partigiano ed ex attore di rivista del periodo dei "Telefoni bianchi". Per un caso fortuito diventa capo indiscusso di un gruppo di giovani ribelli che agisce a nord di Roma nella zona del Monte Soratte, proprio dove nel 1944 aveva sede il comando tedesco del Feldmaresciallo Albert Kesselring. Siamo al 4 di Giugno del 1944 ( il giorno precedente la liberazione di Roma ) e il nostro eroe, nonostante il divieto ( conseguente all'eccidio delle Fosse Ardeatine ) da parte del Cnl di compiere azioni che possano mettere a rischio di rappresaglia la popolazione civile, pena la fucilazione, pensa bene di "sequestrare" un paio di stivali ad un ufficiale tedesco. L'ufficiale non si sa che fine abbia fatto.. I giovani partigiani non sanno come sbrogliare la matassa e si mettono in contatto col comando partigiano di Roma. Arriva controvoglia "il Capitano" un giovane intellettuale per cercare di capire che cosa sia esattamente successo e sistemare la questione. Spettacolo ad alta tensione emotiva, musiche d’epoca, immagini e contrappunti comici: si ride e si piange, insomma… Una storia di fratelli e nemici. Un vecchio partigiano si appropria di un paio di stivali appartenenti a un ufficiale tedesco…un gesto da guitto che potrebbe avere conseguenze estreme. La vicenda si svolge il 4 giugno 1944; il 5 giugno, gli americani entrano a Roma.