I dadi di temi

Mercoledì 22 Aprile 2009 18:15
Stampa

soluzioni equoree per un presunto matricidio

spettacolo e dialogo finale con il pubblico col drammaturgo Gennaro Francione per analizzare il processo di Cogne

Commedia grottesca in un atto

24 Maggio 2009
Ore 21.00


Biglietto euro 8 + Tessera annuale dell'Associazione E.2

con Willy Stella, Massimo Mirani, Ilaria Sartini, Giuliana Adezio
Regia: Giuliana Adezio

 

 

Nasce dall'assemblaggio di un simulacro del processo Cogne e del metodo giudiziario adottato in Gargantua e Pantagruele di Francois Rabelais in cui il Giudice decideva le cause tirando a sorte con i dadi.

 

 

Il sistema, che riprende il tema delle ordalie (la prova della bara in Vespertiliones, quella del fuoco in Merimanga, quella della terra in Ordalia degl'interrati) rientra in quella che definii ordalia del caso ovvero giudizio di Dio che rimetteva la decisione di un processo ad elementi casuali (Vedi G. Francione Processo agli animali - Il bestiario del giudice, Gangemi, Roma 1996).

Ne deriva nell'astragalomanzia una sorta di grottesca presa in giro dei sistemi dei nostri soloni togati, i quali credono di scoprire la verità con la logica astratta, dimenticando che la logica non è una ma un mostro tentacolare che disperde i giudizi nella caverna delle ombre di Platone.