Presentazione

Domenica 27 Giugno 2010 09:10
Stampa

Duse Teatro è un’associazione no-profit creata nel settembre del 2005 con lo scopo di promuovere e diffondere le diverse forme di espressione artistica e culturale, si propone come centro di ricerca e sperimentazione di nuovi linguaggi artistici e si occupa di formazione e di produzione, prevalentemente in ambito teatrale. Le attività finora svolte sono quelle relative alla produzione di spettacoli teatrali e alla organizzazione ed esecuzione di percorsi formativi.

L’obiettivo della nostra associazione è quindi quello di creare un rapporto più interessante e stimolante con le tecniche, la cultura e le performance nonché quello di divulgare e stimolare il pubblico verso la fruizione delle diverse forme artistiche. In altri termini, l’associazione si propone, come obiettivo più primario, la ricerca e lo sviluppo artistico sul territorio.

L’idea del Teatro allo Scalo nasce nel 2008 quando iniziano i lavori di ristrutturazione di un antico stabile nel quartiere di S.Lorenzo, ex luogo di produzione seriale, e comincia di fatto la sua trasformazione in sede di produzione culturale. L’utilizzo del termine produzione al fianco della parola cultura, se è fuori luogo lo è solo in tempi recenti, quando il lavoro e la produzione che se ne ricava sono entrambi equiparabili al concetto di merce, oggetti di scambio. La cultura non è oggetto di scambio, e se in qualche caso può essere intesa come merce, è merce rara e frutto di lavoro vero vissuto come fatica. Non è un modo per fare soldi e scambiarsi oggetti inutili, spesso dannosi. L’oggetto del nostro lavoro è semplice, artigianale, costa poco e credo valga molto, poichè frutto di una reale volontà di scambio, lo scambio comunicativo. Il dialogo. Il racconto. Tutto ciò che ha permesso la vera evoluzione dell’Uomo. Esiste poi l’importante evoluzione della tecnica che ci fa vivere nell’agio, nella comodità, che ci permette di creare questo sito, di scambiarci informazioni, ma che spesso ci chiude in noi stessi e non fa vivere la vita in modo naturale. Il teatro e ogni altra forma comunicativa o produttiva, possono scegliere di servirsi della tecnica costruttivamente aumentando la propria capacità comunicativa oppure possono scegliere di lasciarsi assorbire dalla tecnica fino a perdere la propria identità.