Horse Head

Lunedì 05 Settembre 2011 20:03
Stampa
HORSE HEAD
di Damon Lockwood
scarica la locandina cliccando qui


Spiacenti, locandina non disponibile
dal 9 al 19 febbraio 2012

dal giovedì al sabato ore 20:45
domenica ore 17:45
Horse Head
di Damon Lockwood
adattamento registico italiano Leonardo Buttaroni
interpreti Diego Migeni e Sebastiano Gavasso
scenografia Cherie Hewson
grafica Leonardo Buttaroni


HORSE HEAD
Nel film di Francis Ford Coppola Il Padrino (1975) un pluripremiato cavallo da corsa viene decapitato e la sua testa viene lasciata durante la notte nel letto del suo proprietario: un regista hollywoodiano di successo colpevole d’aver rifiutato un’ offerta di Don Corleone. Avete mai pensato ai due scagnozzi che hanno avuto il compito di farlo?

Horse Head è la struggente storia dei due fratelli Edmondo ( un attore fallito che sta perdendo ogni stima di se’ ) e Filippo ( picciotto tormentato il cui nome significa drammaticamente amante dei cavalli...) che decisero di accettare la proposta per garantirsi un avvenire e farsi strada nella malavita.

Siamo nella California del 1945, nello squallido appartamento di Filippo, il fratello minore. Sul fondo la porta d’ingresso, una finestra con una tendina e un attaccapanni d’epoca. Al centro della parete frontale un telefono e delle valigie impolverate, mentre sulla sinistra una porta stile stalla d’ippodromo. Un vecchio divano,un tavolino munito di cassetto, sopra il tavolo una brocca d’acqua ed un bicchiere. Atmosfera umida e fredda nell’aria e polvere sui mobili. La commedia in un unico atto ci mostra l’evoluzione dei due personaggi che, per adempire al rischioso ed infame compito, saranno costretti ad affrontare i propri demoni.

La scenografia essenziale ma molto ricercata omaggia e mantiene la forza visiva del film di Coppola. Gli omaggi e i riferimenti al film sono molti e se lo spettacolo stuzzica indipendentemente dalla conoscenza o meno de Il Padrino, esalta quegli spettatori che gia’ conoscono, apprezzano, amano la pluripremiata pellicola.

La sottile linea che separa commedia e tragedia noir viene sfruttata massimamente, restituendo ilarita’ amara e pianti delicati. Il testo gia’ messo in scena in Australia, dove ha ottenuto ottime recensioni e successo di pubblico e critica, e’ stato tradotto e riadattato in lingua italiana mantenendo pero’ la regia originale di Mark Storen, poliedrico artista di livello internazionale e membro del Moxxy Collective, compagnia di Perth con cui Les Enfants Terribles collabora dal 2010.

Biglietti: intero 13 euro, ridotto 10 euro (under 30, over 65, gruppi maggiori di 6), tessera associativa 2 euro
Spettacolo compreso nella promozione (con prenotazione obbligatoria)