Spettacoli Roma Teatro Allo Scalo San Lorenzo: un nuovo Teatro a Roma San Lorenzo. Benvenuti nel Teatro allo Scalo di Roma, nello storico quartiere San Lorenzo, Roma. Presentiamo gli spettacoli teatrali corsi laboratori eventi concerti scuola. Lista dei Teatri di Roma. Associazione Culturale Teatro Roma. Allo Scalo, uno dei Teatri a Roma San Lorenzo spettacoli gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno agosto settembre ottobre novembre dicembre 2009 2010 2011 2012. Laboratori Teatro Scuola Roma San Lorenzo. Il Teatro apre a febbraio 2009: Teatro comico. Tra gli spettacoli, presentiamo l'agenda di teatro di ricerca, teatro comico, teatro d'avanguardia, Roma eventi. Eventi di Teatro a Roma.Centro Roma TeatriTeatro allo Scalo, nuove realt?in arrivo, proponi la tua trans annunci Alberghi economici Roma alloggi Roma Alloggi economici Duse Teatro Roma Hotel economici Roma alloggi Civitavecchia Associazione infermieri roma


AUG - Alice underground

Stampa PDF

Valerio Malorni

musiche live

di E.Cefalì, V.Malorni, L.Milani, R.Saulle

Melologo elettrico per attore, gruppo musicale e videoproiezioni

dal 7 al 9 maggio 2009

alle ore 21

ingresso euro 7
locandina1

AGU Alice Underground

Alice Under Ground è una rappresentazione di Alice nel paese del meraviglie in forma di melologo, “Alice semina suoni e raccoglie senso”, è un discorso per perdonare ciò che in ognuno vi è di incomprensibilie e di gratuito. Lo stile, inteso come modo di fare le cose, testimone di ogni avvenimento, è l’unico dirupo su cui poter lanciare un ponte tra il personale e il convenzionale, tra le cose e le parole, un ramo per lasciar gocciolare l’intimissimo utile del senso. Alice è la possibilità di creare senso in virtù dello stile, la possibilità di ogni monologo di divenir dialogo, visione, al di là del velo di ognuno, al di là degli animali un po’ strambi che abitano in noi e che costituiscono le stesse premesse affinchè il vigore di un punto di vista riesca a gestire il molteplice rendendo efficace la propria impronta nel tempo, affermandosi e negandosi nel divenire. Il racconto si muove come fosse un’osservazione personale che nella natura delle cose vive come bugia, una sproporzione tra l’essere e il valere che si manifesta limpidamente, si nasconde vagamente, suggerendo il resto quando i conti non tornano. La rappresentazione è costruita sull’unità sincretica di tre unità: un attore, un gruppo musicale e video proiezioni. Ogni linguaggio ha una sua autonomia e sviluppa l’azione in modo analogico e non didascalico. L’attore è insieme indistintamente il Narratore, Alice, il Cappellaio Matto e il Fintartarugone. Egli è il protagonista di un percorso gnoseologico circolare e infinito, spesso autoreferenziale. Alice è la dimostrazione di se stessa. Il gruppo musicale si impegna in un lavoro di sonorizzazione e dinamica dei suoni attraverso l’esecuzione di brani originali composti ed arrangiati appositamente. La sonorità è frutto dell’incontro di musicisti che provengono da differenti esperienze; elementi di dub, elettronica e free jazz vengono miscelati al fine di disegnare il paesaggio sonoro in cui si svolge l’azione, ora per contestualizzarla, ora per tradurre in musica il dispositivo narrativo di Carroll. Le proiezioni video conferiscono alla rappresentazione un aspetto illusionistico, creando dei segni animati semplici, stilizzazioni di pensieri in bianco e nero, incompleti, sottolineando alcune parti del tutto. La messa in scena si muove nella profonda superficie delle cose, nel senso dell’evento, tra giochi linguistici e non-sense che costituiscono l’ambiguità di ogni comunicazione aperta, la cui verità, così personale nel suo essere sincera, è bella e incomprensibile, è cruda e spirituale. Il non-sense si può intendere in due modi, un uso apparentemente sensato di parole insensate, e un uso apparentemente insensato di parole sensate; benché il non-sense viene spesso erroneamente inteso come mancanza di senso esso è negazione di senso e ne presuppone dunque la presenza. Tutti i canarini ben nutriti cantano a squarciagola.Nessun canarino che canti squarciagola è malinconico.Tutti i canarini ben nutriti sono allegri “Carroll spende tutta la fatica della leggerezza, porta tutto il peso della responsabilità che ne deriva, mettendo in gioco la nostra libertà. Ed è piena di rischi, questa via, perché comunque si tratta di un perdersi o di un divenir-folli. Un altro pensiero e un altro linguaggio, o almeno un altro uso del linguaggio. Ecco allora un'altra domanda: come potrà il linguaggio seguirci, o magari precederci, in un mondo senza spessore dove ogni evento ha una doppia faccia e in cui le parole e le cose non possono mai accordarsi in una sintesi che le congiunga? Tutto potrebbe cominciare con una balbuzie, quella effettiva di Carroll per esempio, o quella in cui ciascuno di noi potrebbe paradossalmente esercitarsi: sì, c'è un legame importante tra il balbettare dell'autore e le "parole esoteriche" o le parole-bauli della sua opera, c'è un processo di rallentamento e condensazione, un'elaborazione dell'instabilità, un raddoppiamento del difetto, l'umorismo di un io che riesce a spiazzarsi mimando se stesso, contro-effettuandosi. Un linguaggio che si rende minore, che progetta di essere minorato anziché correggersi nell'ortopedia linguistica del senso buono.” Pier Aldo Rovatti Tutto ciò che è vivo è movimento.Alcuni movimenti sono contraddittori.Io vivo in movimento.Io sono contraddittorio. A che pro un libro senza dialoghi né figure si chiede Alice nel prologo della sua avventura. Non sappiamo cosa intendesse Carroll, se prendere letteralmente o meno il senso di questa frase, se è una considerazione da educatore nei confronti degli allievi o una riflessione sulla ottusità della pedagogia, vero è, ci sembra, che quel libro non accendesse la vita in Alice. La parola che cerchiamo è un libro aperto che sappia dialogare con le nostre più intime figure e il libro che vogliamo è una pagina incompleta che sappia dialogare con noi lasciandoci lo spazio di accettare la faziosità d’ogni lettura. Can che abbaia non mordema morde il can che non abbaiail can che morde non può abbaiareperché abbaia il can che non può mordere.

 

Teatro Allo Scalo
Via dei Reti, 36, San Lorenzo, Roma
Info T. 340-6485291
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Sponsor

Siamo anche su

Ricerca

Segnaliamo


Le locandine

  • Le locandine
  • Le locandine
  • Le locandine
  • Le locandine

Orari

Tutti i giorni ore 21
Domenica ore 18
chiuso lunedì
(chiamare per conferma)

Tessera annuale Ass.Cult.Duse € 2